Di cosa mi occupo

Mi occupo di disagio psichico e svolgo attività clinica dal 2006

Il mio approccio è psicodinamico-autogeno, basato sull’impostazione teorica della Psicoterapia Autogena e sulle tecniche ad essa correlate, la più nota delle quali è  Il Training Autogeno.

La missione della psicoterapia autogena credo si possa felicemente riassumere nella frase con cui J.H.Schultz, il suo fondatore, descrisse il metodo a Sigmund Freud, ideatore della psicoanalisi:

Io penso che, come un giardiniere che ripulisce dagli intralci il giardino, sia possibile rimuovere gli ostacoli che impediscono il vero sviluppo individuale

Tutti gli uomini nascono con la propria natura individuale.

Ogni essere umano è diverso da tutti gli altri, e come tale unico ed irripetibile.

Lo scopo della vita è che ogni individuo sviluppi la propria natura, seguendo i propri talenti, con le inclinazioni e le forme che meglio soddisfano la sua indole.

Nel corso degli anni la natura dell’uomo prende forma definita e si plasma in accordo con le condizioni ambientali che incontra. Se questo processo fluisce in accordo e armonia l’individuo si svilupperà sano e realizzerà una esistenza piena ed appagante. Quando questo processo di autorealizzazione, per molteplici ragioni, incontra degli ostacoli, nasce il disagio psicologico.

L’uomo che non rispetta la propria indole non è felice.

Il disagio può essere più o meno marcato in funzione della qualità e della quantità di difficoltà incontrate dal soggetto, e può prendere svariate forme che si traducono in sintomi diversi, e producono psicopatologie.

Le patologie di cui mi occupo

  • Disturbi dell’umore (Depressione, Disturbo Bipolare)
  • Disturbi d’ansia e attacchi di panico,
  • Somatizzazioni,
  • Dipendenze da sostanze,
  • Alcolismo,
  • Gioco d’azzardo compulsivo
  • Disturbi e problematiche legate al sesso,
  • Disturbi di personalità,
  • Disordini alimentari,
  • Stati Nevrotici e Psicotici più o meno articolati

Questi sono solo alcuni esempi di disturbi clinici che si possono affrontare con la Psicoterapia Autogena.

 

CONDIVIDI