Quando rivolgersi ad uno Psicologo

Tutti abbiamo diritto ad un’esistenza libera

La mia idea è che la consulenza psicologica sia una buona prassi in tutte le occasioni nelle quali il benessere dell’individuo sia minacciato. Il diritto ad un’esistenza libera, la possibilità di realizzare una vita piena ed appagante sono condizioni che molto spesso trovano degli ostacoli.

Quando ci troviamo di fronte a psicopatologie codificate

Questi ostacoli sono rappresentati ovviamente dalle problematiche psicologiche e psicopatologiche codificate (Ansia, Depressione, Disturbi Psicosomatici, Nevrosi, Psicosi ecc.) ma possono essere causati anche da difficoltà esistenziali, non propriamente cliniche, che comunque generano nell’individuo stati di malessere psicologico anche profondo.

Quando attraversiamo un momento di particolare stress e difficoltà

Mi riferisco ad esempio a problematiche di tipo economico (perdita del lavoro, crisi finanziaria, disoccupazione), problematiche di tipo sociale o relazionale (divorzi, liti familiari, perdita di legami affettivi importanti) cambiamenti di vita destabilizzanti (traslochi, trasferimenti di città, pensionamento) fasi del ciclo di vita particolarmente delicate (pubertà, adolescenza, menopausa, senilità).
Se qualcuna di queste condizioni genera disagio psichico anche lieve, viene vissuta dall’individuo in maniera problematica, influisce negativamente sulla qualità della vita, è indicata una consulenza psicologica.

La psicoterapia è anche un ottimo strumento preventivo

Consideriamo che, come tutte le pratiche in campo sanitario, anche per la psicologia è efficace il concetto di prevenzione. Intervenire quando il disagio psichico è ancora limitato, non sottovalutare anche i primi segnali di sofferenza, prendersi cura di sé sin da subito sono condizioni che garantiscono risultati in tempi più rapidi.

CONDIVIDI